CHIMERE: NELLA TANA DELLE VIBRIE

image

Tornano in campo per la week 4 le ragazze terribili del Cifaf, 2 i match in programma: le capoliste Neptunes faranno visita alle Marines, mentre le Vibrie ospiteranno le Chimere.
Il team abruzzese-emiliano giocherà a Surbo (LE) domenica 12 Giugno alle ore 15:00, entrambe le compagini sono alla ricerca della prima vittoria stagionale. Le ragazze capitanate dal duo BorraDi Filippo tornano in campo dopo aver sfiorato l’impresa contro le campionesse in carica del One Team e decise a riconfermare il bel gioco ed i grossi miglioramenti visti nell’ultima uscita. 

Anche questa settimana ho avuto il piacere di intervistare due “chimere”: Valentina Thiery (Tight End #84) e Gaia Giovannini (Fullback #4). Valentina si allena da circa un anno con le Lobsters Pescara mentre Gaia ha trascorso gli ultimi 4 anni con le Fenici Ferrara.
《Ciao ragazze cosa significa per voi essere una Chimera?》
V: “Vuol dire mettersi in gioco, confrontarsi e poi unirsi con ragazze che condividono con me la stessa passione per il football e la stessa voglia di lottare. Tra di noi non ci sono mai state difficoltá, aver portato maglie diverse non è un motivo per essere differenti. Siamo una vera squadra! Agguerrite, dererminate e capaci di sostenerci l’una con l’altra come se fossimo sempre state parte della stessa famiglia.”
G: “Significa Kilometri su Kilometri (noi siamo le Kmere) persone nuove e fantastiche da scoprire, sacrifici, stanchezza, allenamenti congiunti divertentissimi e tanta voglia di giocare a Football!”
《Quali sono le vostre aspettative per questa stagione?》
V: “La squadra all’inizio ha sofferto la distanza, in quanto riuscire a raggiungere la stessa coordinazione in campo ed avere i giusti meccanismi non è semplice, credo ci voglia tempo e pratica tutte insieme. Alla luce delle partite giocate, penso che siamo cresciute tutte esponenzialmente, gli allenamenti e gli sforzi insieme stanno dando i loro frutti e miglioriamo volta dopo volta. A livello personale ho intenzione di sfruttare al massimo questa unione sportiva per poter imparare e fare tanta esperienza, grazie agli insegnamenti dei coaches ed agli allenamenti con le mie compagne di squadra che mi stanno dando tantissimo. Voglio e devo crescere, d’altronde ho appena iniziato!”
G: “Quest’anno purtroppo è andata così, ma non si molla, mai. Il nostro obiettivo ora come ora è finire la stagione al meglio delle nostre possibilità, abbiamo pagato molto nei primi due incontri con le Neptunes e contro il One Team, abbiamo sofferto la distanza e il “rodaggio” in partita; le nostre avversarie hanno giocato meglio, non sono certo qua per dire il contrario, ma abbiamo visto una grande crescita dalla prima alla seconda partita, DIREI CHE SIAMO SULLA BUONA STRADA. A livello personale voglio giocare al mio meglio sperando di migliorare sempre, alla fine è il primo anno in cui faccio il fullback a tempo pieno.”
《Un vostro pensiero sulla partita che vi aspetta》
V: “Vogliamo dare tutte noi stesse, senza scuse. Siamo determinate, allenate e unite. Non ci manca nulla. Siamo una squadra che vuole vincere, chi non lo vuole?! Ho imparato che in campo non conta la maglia che indossi, siamo tutte uguali e con la stessa voglia di combattere. Testa e cuore anche questa volta, GO CHIMERE!”
G: “Le Vibrie, beh, sono una squadra molto fisica con delle buone individualità, delle linee di peso che rompono parecchio le scatole. Noi pagheremo sicuramente la trasferta, che per noi che veniamo da “SU” (Milano, Novara e Ferrara) è davvero infinita, per non parlare del caldo, io sto già male al pensiero. Spero che continueremo a migliorare come Team, abbiamo dimostrato quello che siamo in grado di fare se ci mettiamo d’impegno. Per concludere vorrei ringraziare tutte le società che decidono di investire nel football femminile, le persone che ci seguono macinando kilometri su kilometri e soprattutto tutte le ragazze che decidono di mettersi in gioco in questo sport fantastico.”

Le aspettative per un week-end da brividi ci sono tutte…non mi resta che invitarvi come sempre a seguire queste meravigliose atlete e tutto il movimento del Football in Italia.

Mauro Baldonero
Ufficio Stampa Crabs