A-Teams vs Rebels III div football americano

A-Team vs Rebels: l’occasione persa – III divisione di football americano

Al termine di una partita avvincente e controversa, l’A-Team rimane con un pugno di mosche in mano.

Si conclude la quarta giornata del campionato di III divisione di football americano con la formazione abruzzese che non coglie ancora la prima vittoria: i Rebels di Castel San Giorgio vincono per 22 a 28. La partita svoltasi all’Esposito è stata una vera occasione persa per la formazione abruzzese, che dimostra quanto ci sia ancora da fare, ma anche quanto di positivo sia già stato fatto. Analizzando la partita, di fatti, troviamo un’A-Team molto produttivo in fase offensiva ma davvero poco cinico. Si registrano, infatti, ben due fumble ed un intercetto in azioni partite al limitare della goal line.

A-Team vs Rebels III div football americano italia
A-Team vs Rebels

La delusione per il risultato non cancella quanto di buono fatto in partita. L’attacco ha dato l’impressione di aver trovato i meccanismi giusti per poter macinare gioco e punti. Menzione d’onore, va fatta al quaterback Lorenzo Fantini, che ha sfoggiato una prestazione a dir poco brillante. Ancora qualcosa da rivedere, certamente, ma il trend offensivo mostrato all’Esposito di Lanciano fa ben sperare per il futuro. I ventidue punti all’attivo (aggiungiamo anche ben 2 mete non convalidate), sono la dimostrazione che sarebbe bastato un pizzico di cinismo in più per trasformare questa sconfitta nella prima vittoria stagionale dell’A-Team.

A-Team vs Rebels III div football americano errori arbitrali
Incompleto…

La difesa della formazione abruzzese può vantare ben due sack ed una safety, dimostrazione di un’aggressività difensiva che da la dimensione di quanto l’esito negativo dell’incontro stia stretto all’A-Team. Un ultimo doveroso appunto: i Rebels sono stati davvero bravi e non possiamo che rendergli onore, gli arbitri un po’ meno…

Per gli MVP della giornata:

http://www.terzadivisione.com/3div-leave-it-on-the-field-2018-week-09/

Leggi anche:

A-Team: il cuore non basta…